Pubblicati da Franco Farina

Ma i cittadini sognano pecore elettriche?

Proprio un bel regalo di Natale! Finalmente la città si riappropria dell’ex caserma Artale. L’area, incorniciata da via Derna, via Roma, via Savi e via Nicola Pisano, a due passi da Piazza dei Miracoli, contiene la seconda piazza più grande della città, e torna dalla prossima settimana a essere uno spazio pubblico offerto alla cittadinanza. […]

Il PD pisano: chi l’ha visto?

Dopo le ultime elezioni ce lo dovevamo aspettare, perdere dopo tanti, tanti anni, non è un colpo facile da assorbire per nessuno; i pochi amici rimasti lo ricordano baldanzoso con i suoi 20.551 voti, quando, nel 2008, con il 39,2 % aveva conteso, vincendo poi al ballottaggio, la governance della città a Patrizia Tangheroni; e quando ancora cinque anni dopo, seppure i voti fossero scesi a 13.665, sembrava destinato a far faville…

Di chi sono i muri di Pisa?

È sempre più frequente di questi tempi imbattersi, su giornali e social, in foto di assessori che, armati di idropulitori, posano fieri davanti a muri ridipinti di fresco. Attestano la vittoria contro le scritte sui muri cittadini e trionfalmente affermano di aver restituito decoro alla città contrastandone il degrado. È un’affermazione bipartisan che rimbalza di […]

Muoiono i tesori di Pisa

Al museo di San Matteo è custodita una tavola in cui Sant’Orsola, prima patrona di Pisa, è intenta a salvare la città da un’alluvione; la città, impersonificata da una giovinetta bionda, non appare troppo sconvolta, forse per l’estrema fiducia posta nella celeste apparizione o per la bellissima veste decorata di tante aquile imperiali a indicare […]

Quando il fattorino è re

Come il Covid ha esaltato l’attività di Paolo Morabito, che prima effettuava cinque “ciclo-consegne” al giorno, adesso quasi cinquanta ed è uno dei pochi a vivere tutta la città

Seconda Cronaca indossa una Seconda Pelle

Se l’emergenza sanitaria ha reso tutto diverso, Seconda Cronaca deve diventare diversa, essere “altro” da sé. Non mutare pelle, ma quanto meno indossarne una seconda, straordinaria. Così abbiamo ideato un vascello nuovo, questo, per continuare a informarvi e a riflettere con voi, magari proponendo prospettive e sguardi non facili ed immediati.