Voglio la povertà se è l’unico modo per essere libero

Storia di Hussein che lavora in Libia per mantenere la famiglia in Italia

1995
Hussein Zeghinin è libico, quando arriva in Italia ha sedici anni e un giorno. Ha finito gli studi, ha falsificato la firma di suo padre per avere il passaporto e con i risparmi di tanti lavoretti fatti, si è comprato un biglietto aereo.

2015
Hussein Zeghinin è italiano (oltre che libico), ha 36 anni. Ha necessità di raccontare. Il suo italiano pressoché perfetto si arresta ogni tanto, perché i ricordi vogliono uscire più velocemente di quanto il cervello riesca a giustapporli in frasi ordinate: «Per i libici sono l’italiano e per gli italiani sono ancora il libico, ma sono veramente tutti e due».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.