Dal Monte dei Pegni al Compro Oro

Il nostro viaggio, lì dove gli ultimi beni di un povero diventano soldi

Monte dei Pegni
A Pisa esiste ancora un Monte dei Pegni. Si chiama “Sezione Prestiti su Pegno”, è gestita dalla Cassa di Risparmio di Pisa Lucca Livorno e si trova in via la Pergola, una strada a gomito che unisce le piazze Dante e Carrara. Sembra un’eco di medioevo che riverbera nella città di oggi. Una resistenza che forse, più che alla popolarità, è dovuta alla capacità di quest’istituto di mantenersi inosservato, in sordina, fra le epoche che passano. A nessuno infatti piace parlare di cosa accade là dentro.

Compro Oro
«Che margine di guadagno avete sull’oro che vi portano?». «Dipende dai carati. Ad esempio un grammo d’oro a 24 carati lo paghiamo al cliente 29 euro e 50, contro i 32 euro circa del prezzo di mercato con cui lo cediamo alla fonderia. In tre anni la clientela è raddoppiata. Se prima l’utente tipo mi portava un cucchiaino d’argento per pochi spiccioli, adesso vengono le famiglie con i gioielli ricevuti in eredità».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.