Ci vediamo all’Inferno

I segreti del restyling ultraterreno di piazza Dante

Grazie al restyling ultimato da due laureandi in Agraria, la vegetazione di piazza Dante evoca ora la Divina Commedia. Per Ermes Lo Piccolo e Renato Ricciardi, Virgilio è un leccio di fronte a Betsabea. Il canto XIII dell’Inferno, invece, sono dieci piante di Forsythia in due aiuole. Il Purgatorio è accanto alla trattoria di Stelio, fatto di graminacee. E una Magnolia grandiflora, addirittura, è Dio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.