Quei bagnini pendolari tra Tirrenia e la Sicilia

Da mezzo secolo, sei mesi all’anno, giungono tutti da due villaggi della costa messinese.

Marina e Tirrenia hanno due paesi gemelli sulla costa nord della Sicilia: Falcone e Tonnarella. Da lì, da più di mezzo secolo, giunge la maggioranza dei bagnini del nostro litorale. Una storia ricostruita dalle origini appuntando, da lido in lido, le testimonianze di chi ancora è protagonista di questa tradizione. Ricorda Nino La Macchia del Bagno Maddalena: «Prima del ’90 in Sicilia gli affari nel peschereccio con mio padre andavano bene. La necessità di emigrare per me non si era ancora presentata. Però in autunno, quando i miei coetanei tornavano da Tirrenia, ascoltavo con invidia le loro imprese da playboy. Raccontavano di belle straniere, e di donne rubate a mariti distratti, che per lavoro le lasciavano sole in villeggiatura fino al weekend».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.