La suora freelance, nel nome di Dio

Fino ai piedi dei Pirenei, per raccogliere la storia di Rita Mantovanelli, la pisana che sfama i poveri di Lourdes

«Ho sentito la chiamata a vivere povera quando stavo ancora a Pisa, la notte di Natale del 2008. Ho messo via gli abiti civili, ho tagliato i capelli corti e vestito il saio, e Rita ha preso il posto di Giuliana, che era come mi facevo chiamare prima – Rita fa una pausa – Ma ora dimmi cosa sai della mia storia». «Sono venuto a sentirla da te la tua storia», rispondo. «Sai che non sono nata donna, quindi». «Sì».

Antonio Petrolino indaga il passato di Rita Mantovanelli, fra le case popolari di San Giusto e i barboni che aiutava alla stazione. Poi viaggia fino a Lourdes, per conoscerla e raccontarci come vive adesso: la casa umile di Boulevard de la Grotte, la cagnetta Provvidenza, i pellegrini che le offrono i soldi per vivere, e altri poveri da sfamare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.