Diritto di tritolo

Architetti alla prova del pensiero indecente: 
demoliscono i simboli di Pisa per dare forma alle loro visioni

Nel 356 a.C. un cittadino di Efeso di nome Erostrato decise d’incendiare il tempio di Atena della propria città, ritenuto una delle sette meraviglie del mondo. Gli efesini ci rimasero male e lo condannarono a morte. Tuttavia è inconfutabile che Erostrato aprì la strada alla nascita di qualcos’altro che prese il posto di cotanto precedente edificio. Abbiamo proposto un pensiero indecente ad una serie di architetti che operano a Pisa, investendoli della stessa follia distruttiva di Erostrato chiedendo loro, ma solo sulla carta, di abbattere qualcosa di assolutamente funzionante e di proporre qualcosa di dirompentemente nuovo, qualcosa di eccezionale, di impensabile alla mente dei più.
Ne abbiamo interpellati dieci, cinque hanno osato risponderci inviandoci i loro bozzetti.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.