I segreti delle dimore storiche di Pisa

Venerdì 21 giugno 2019

Officine Garibaldi, Via Vincenzo Gioberti, 39, 56124 Pisa PI

Gallerie sotterranee, giardini massonici, granai. Dietro le austere facciate medievali, i palazzi nobiliari di Pisa nascondono preziose curiosità. I reporter di Seconda Cronaca le hanno ricercate per mesi, accedendo in via eccezionale ad abitazioni e giardini privati. Un’avventura che, oltre alle immagini di questi luoghi “proibiti” e affascinanti, ha raccolto le singolari storie delle famiglie che vi risiedono da secoli.
Venerdì 21 giugno dalle 21.00 alle 23.00, presso le Officine Garibaldi, grazie alla proiezione di foto inedite e ai racconti dei cronisti di Seconda Cronaca, viaggerete tra i segreti delle dimore storiche di Pisa. Dai resti del teatrino settecentesco di Palazzo Cevoli (che forse era un’alcova) all’esclusivo alloggio degli Agostini a Villa di Corliano. Dalle misteriose epigrafi carbonare di Palazzo dell’Abbondanza all’insolita casa di un avvocato in lungarno Pacinotti, con una finestra interna affacciata su una chiesa.

L’ingresso costa 5 euro e include una copia dell’ultimo numero di Seconda Cronaca, con il reportage sui segreti delle dimore storiche di Pisa. Durante l’evento presenteremo anche gli altri servizi di quest’edizione. Accedono gratis gli abbonati a Seconda Cronaca e i bambini sotto i 12 anni.

(In foto: piano terra di Palazzo Roncioni – Michela Biagini per Seconda Cronaca)

Tutto sull’eroina a Pisa, in una sera • Replica

Venerdì 18 aprile

Officine Garibaldi, Via Vincenzo Gioberti, 39, 56124 Pisa PI

In città, sostiene la polizia, s’arriva da mezza Toscana per comprare eroina. Pisa, cioè, è una piazza di spaccio regionale. I risaputi traffici in Stazione, o alle Vettovaglie, sono l’esigua traccia di un fenomeno vasto e ignoto ai più. Lo smercio della “roba”, in prevalenza, non accade in strada, ma presso abitazioni private, gestito spesso da insospettabili individui. E foraggia ‘ndrangheta e camorra. E istiga ragazzine, per una dose da fumare, a prostituirsi agli spacciatori.
Giovedì 18 aprile, alle Officine Garibaldi, Seconda Cronaca svelerà l’esito di una dirompente inchiesta sull’eroina a Pisa. Tra immagini esclusive, cronache e infografiche, scoprirete i meccanismi di quest’occulto e intricato giro, confidati da poliziotti e testimoni anonimi in mesi di interviste. Come arriva la droga dall’Afghanistan in città? Perché Pisa, in Toscana, ha il record di morti per overdose (dati 2017)? E perché, per comprare eroina, bastano pure 2 euro?

L’ingresso costa 5 euro e include una copia dell’ultimo numero di Seconda Cronaca, con l’inchiesta sull’eroina a Pisa. Durante l’evento presenteremo anche gli altri servizi di quest’edizione. Accedono gratis gli abbonati a Seconda Cronaca e i bambini sotto i 12 anni.

Il Museo di Anatomia Umana • Aperitivi in posti insoliti di Pisa

Venerdì 8 febbraio

Museo di Anatomia, via Roma 55

L’aperitivo insolito è un aperitivo organizzato in un posto tanto originale quanto poco noto di Pisa.

Per il primo #aperitivoinsolito abbiamo scelto di portarvi al Museo di Anatomia Umana “Filippo Civinini”, dell’Università di Pisa, che sarà aperto straordinariamente per l’occasione, solo per i partecipanti all’evento.

L’EVENTO
Durante l’evento potrete ascoltare le curiosità sul luogo raccolte dalla redazione di Seconda Cronaca, visitare la Galleria dei Busti dedicata agli antichi anatomisti e il Museo di Anatomia con i suoi innumerevoli reperti e, ovviamente, potrete degustare gli ottimi prodotti del territorio selezionati dal Bistrot San Frediano in un buffet allestito tra le tavole anatomiche della Galleria Mascagni.

IL MUSEO
Pisa è stata una delle prime città universitarie a possedere una Scuola Anatomica e il primo allestimento del Museo risale agli inizi dell’Ottocento, per opera di Tommaso Biancini, dissettore e professore di Anatomia, cui successe, dal 1834, Filippo Civinini. ll museo conserva oggi circa 3400 reperti anatomici e preziose raccolte archeologiche. (Fonte: sito museo).

– – – – – –
Evento in collaborazione con il Sistema Museale di Ateneo dell’Università di Pisa.
La foto è di 
Michela Biagini per Seconda Cronaca.