Quel simbolo di Parigi “made in Calci”

Pare un capannone qualsiasi, un magazzino di attrezzi un po’ in disordine.
Eppure, quando al Louvre hanno deciso di costruire una seconda piramide, simile alla prima, però a testa in giù (la “Piramide Inversa”), è a quest’azienda che si sono rivolti: la Rober Glass di Calci.
Perché il progetto contemplava lavorazioni mai eseguite, e non servivano soltanto dei tecnici, ma degli inventori.

“Il giro del mondo senza uscire da Pisa” vi aspetta in edicola: http://www.secondacronaca.it/distribuzione/
O in abbonamento: http://www.secondacronaca.it/abbonamenti/

Pisa – Il contorto caso dei “tombini arabi” di via dell’Occhio

Nel cuore di Pisa, in via dell’Occhio, si susseguono tre tombini della fognatura mista con al centro la stessa dicitura in arabo.
Perché? Che significa?
Al termine di una lunga e contorta indagine Seconda Cronaca ricostruisce l’insolita vicenda, che da Pisa giunge fino in Libia.

“IL GIRO DEL MONDO SENZA USCIRE DA PISA” vi attende in edicola, qui: http://www.secondacronaca.it/distribuzione/
O in abbonamento a soli 20 euro all’anno per spedizioni a Pisa o in versione pdf: http://www.secondacronaca.it/abbonamenti/

Il giro del mondo su “TuttoCittà”

Un curioso viaggio tra le voci più internazionali dello stradario pisano

È pisano Saint-Tropez

La vicenda che lega Pisa e Saint-Tropez è un’affascinante e cruenta leggenda religiosa ambientata nel mar Ligure. Nel 68 d.C. una barca alla deriva si spiaggia in costa azzurra: a bordo il corpo senza testa di un uomo, un gallo e un cane. Quella barca viene da Pisa, il corpo è quello del martire San Torpè, decapitato da Nerone perché cristiano. Nella vicina città di Heraclea è eretta una chiesa. Inizia il culto del martire: la città viene ribattezzata Saint-Tropez in suo onore.

Il legame tra le due città, duemila anni dopo, è ancora forte.

Partirono da eroi, sparirono da imbroglioni

La vicenda dei Globe Trotters, studenti pisani che, a fine Ottocento, tra gesta ed espedienti tentarono il giro del mondo a piedi

I pendolari Pisa-Polo Sud

La storia di Francesco Bonadonna e Sandro Francesconi, che per fare il proprio lavoro, ogni tanto spariscono per mesi. Bonadonna va alle isole Kerguelen, al centro dell’Oceano Indiano. Tra aerei, navi e zattere, ci mette 13 giorni per giungere a queste isole senza approdo. Francesconi va giù in Antartide, su un aereo da trasporto che deve atterrare sulla banchisa, o su una nave lascia la Nuova Zelanda e sta due settimane in mare prima di toccare terra. 

United Colors of Badanti

Per un anziano, l’avvicendarsi di badanti di diverse nazionalità, è spesso un difficile viaggio intorno al mondo.

Quel simbolo di Parigi “made in Calci”

Dentro la vetreria Rober Glass, che nel 1992 ha realizzato la celebre Piramide Inversa del museo del Louvre.

Per realizzare il progetto visionario dell’architetto cinese Ieoh Ming Pei, ai francesi del Louvre servivano lavorazioni mai tentate prima. In una corsa contro il tempo con le ditte di mezza Europa, le maestranze di Calci smontarono un enorme macchinario, lo modificarono a mano per lo scopo e furono i primi ad avere successo.

Le FAQ sulle comunità cinese di Pisa

Uno dei gruppi stranieri meno integrati in città è bersaglio di stereotipi e falsi miti.

Ecco le risposte agli interrogativi che tutti si pongono su di loro

Il contorto caso dei “tombini arabi” in via dell’Occhio

Nessuno sa perché, ma a pochi passi da Corso Italia, sul pavimento stradale,

tre chiusini con scritte in arabo. Seconda Cronaca traduce le scritte e porta avanti le indagini,

fino a trovare una pista che porta in Libia…