Passeggiata in un parco che verrà

Esploriamo l’area destinata al Parco Urbano di Cisanello

Dentro i cinque ettari di verde che presto dovrebbero costituire il Parco di Cisanello. Fra liane preistoriche e sentieri cercati fra i rovi, accompagnati da Laura Fastelli, attivista che, con la cittadinanza, ha contribuito alla progettazione di questo futuro spazio di verde pubblico. «Il Comune ha già accennato che in caso di difficoltà finanziarie intenderebbe procedere almeno per gradi, sistemando un piccolo lotto alla volta. Ma non credo che si potrà iniziare a intervenire prima del 2018. E, in ogni caso, se nel 2020 ci fosse un vero Parco Urbano di Cisanello dovremmo ritenerci soddisfatti».

La morte corre sul filo di lama

Tra cinquant’anni non ci sarà più un platano in tutta la Toscana

Viale D’Annunzio, via del Brennero, via Pietrasantina, piazza Martiri della Libertà, le Piagge: tutti senza platani. Ciò che oggi è persino inimmaginabile tra cinquant’anni sarà realtà. Tra i motivi c’è una malattia infettiva che gli uomini aiutano a diffondere usando motoseghe non disinfettate fra un taglio e un altro. Cinquant’anni, e Pisa non sarà più la città che conosciamo adesso.

Il quinto monumento

Come il prato dei Miracoli resta verde tutto l’anno

È sempre verde, malgrado il clima e i tre milioni e mezzo di turisti che lo calpestano ogni anno. La manutenzione del quinto monumento, il prato di Piazza dei Miracoli, è una miscela di segreti e abilità. L’acqua per l’irrigazione, ad esempio, è prelevata a 160 metri di profondità, per non modificare le proprietà del terreno intorno alla Torre. Ed è conservata in un serbatoio pensile, nascosto fra le mura storiche. Un’erba così costa trecentomila euro all’anno, e ci sono dei misteriosi trattori che…

Ci vediamo all’Inferno

I segreti del restyling ultraterreno di piazza Dante

Grazie al restyling ultimato da due laureandi in Agraria, la vegetazione di piazza Dante evoca ora la Divina Commedia. Per Ermes Lo Piccolo e Renato Ricciardi, Virgilio è un leccio di fronte a Betsabea. Il canto XIII dell’Inferno, invece, sono dieci piante di Forsythia in due aiuole. Il Purgatorio è accanto alla trattoria di Stelio, fatto di graminacee. E una Magnolia grandiflora, addirittura, è Dio.

Le torri perdenti

Il cantiere di Bulgarella a Cisanello è fermo dal 2012. E Pisa non è stata protetta dal rischio ecomostro

La ricostruzione della vicenda del Parco delle Torri di Andrea Bulgarella, un’opera faraonica nata in piena crisi edilizia (2009) e che oggi è soltanto un cantiere abbandonato, potenziale ecomostro della città. Un complesso intreccio di delibere comunali, crisi bancarie e promesse non mantenute. Con l’intervista a Marco Ricci, consigliere comunale di “Una Città in Comune”.

Ripubblichiamo qui l’articolo, in versione integrale andato in edicola nel numero Il verde a Pisa

Continua a leggere

Pisa è più verde della Lega

Pochi militanti, neanche una sede, ma in provincia il partito di Salvini ha il 19%

La rossa Toscana è diventata un po’ verde. Alle scorse Regionali la Lega Nord ha ottenuto il 20%.
In tutta la provincia di Pisa non possiede sedi, non organizza feste, non ha una struttura forte modello PD, eppure raccoglie il 19% dei consensi. A cavallo delle elezioni Seconda Cronaca ha incontrato la candidata Susanna Ceccardi e i militanti pisani per tentare di conoscere il fenomeno, fra comitati e volantinaggi in strada.