Il paradiso dei purosangue

Accompagnati da Renzo Castelli, decano dei giornalisti pisani ed esperto d’ippica, andiamo alla scoperta delle scuderie della famiglia Brivio Sforza, in via del Capannone: un tesoro sconosciuto alla città (foto di Michela Biagini per Pianeta Ippodromo).

CHI FALLISCE AL BUONARROTI?

La struttura senz’altro sì, ma anche chi non ricorda

5,5 milioni di euro sono stati spesi per la manutenzione del liceo Buonarroti negli ultimi cinque anni, e ciò nonostante si rimane lontani dagli obiettivi minimi. Gli impianti elettrici ed idraulici hanno necessità di essere rivisti radicalmente, esiste un immenso problema di efficienza energetica, mancano i requisiti minimi di comfort per alunni e docenti visto che in molte classi piove, gli infissi non chiudono bene ed è difficile la fruibilità per i portatori di handicap. Negli ultimi quindici anni si stima che la struttura si sia mangiata una cifra sufficiente a costruire tre scuole totalmente nuove. Eppure, negli anni Settanta, il Buonarroti nasceva con ambizioni di avanguardia didattica e architettonica.

I ragazzi senza vergogna

Fuori dalla scuola a sedici anni, oggi Ermand, Gianluca, Olga e Umberto, da poco maggiorenni, hanno già una professione. Stanno terminando il corso per grafici multimediali del progetto GOAL, finanziato dalla Provincia di Pisa per i minori che hanno abbandonato gli studi. Se ai più, fra adolescenti e genitori, l’insuccesso a scuola susciterebbe vergogna, per loro è stato l’inizio del riscatto. Non si pentono di nulla, anzi, posano per Seconda Cronaca (foto di Michela Biagini per I falliti).

L’AMORE È UN LIVELLO DI SEROTONINA

Lo studio di Donatella Marazziti, psichiatra di Unipi, e la vittoria del premio Ig Nobel, assegnato ogni anno alle ricerche più improbabili

Un giorno di oltre quindici anni fa, sui muri di tutta la Facoltà di Medicina di Pisa, appaiono degli strani annunci: si cercano studenti innamorati, ma innamorati da un massimo di sei mesi, cotti proprio.

Inizia così la storia della ricerca scientifica che il 5 ottobre del 2000 portò a Pisa il premio Ig Nobel per la Chimica.

«INCALZAVAMO PISA, DA UNA STANZETTA»

Nel 2012 chiudeva PisaNotizie.it, il quotidiano online che sfidò il duopolio di Tirreno e Nazione

A tre anni dalla chiusura, i protagonisti di PisaNotizie spiegano ascesa, ambizioni e declino di un progetto che mirava a sparigliare il mercato del giornalismo in città. Ciccio Auletta, Chiara Martina e Danilo Soscia raccontano il successo di pubblico, il fascino e i sacrifici di un’attività che con conosceva soste. E ricordano i modesti ricavi, che mai in quattro anni superarono le spese. «Come abbiamo resistito così a lungo senza guadagni personali? Le nostre vite erano ridotte all’osso. Poi non te ne accorgi, in un giornale il tempo passa in fretta».